Lavorare in Francia

Le cose da sapere se si sta pensando di andare a lavorare in Francia: le agenzie per l'impiego, il curriculum, i tipi di contratti più utilizzati

Lavorare in Francia, per un cittadino italiano, non richiede documenti particolari. Ciò che consigliamo vivamente è una buona conoscenza del francese. Può sembrare una banalità ma, a differenza di altri paesi, in cui una buona conoscenza della lingua inglese può già rappresentare un bell'inizio, in Francia le cose sono leggermente diverse. I francesi non dimostrano molta comprensione per chi non conosce la loro lingua e spesso, fanno finta di non capirvi se non la parlate secondo i loro criteri. Quindi investite un po' di tempo nello studio del francese: vi farà guadagnare punti.

E, come sempre, per lavorare in Francia è bene capire da quale punto si parte: cioè se avete ottenuto un trasferimento dalla vostra azienda, se state rispondendo ad un'inserzione e se vi state muovendo assolutamente da soli. In quest'ultimo caso aiuta sapere che in Francia c'è una rete di agenzie per l'impiego decisamente capillare ed estesa. Tra le principali c'è sicuramente il Pole Emploi. Tramite questa agenzia si possono trovare generalmente lavori non specialistici e manuali per lo più. Il sito, solo in francese, è pole-emploi.fr.
Per professionisti più specializzati c'è l'APEC, Agenzia Nazionale di Professionisti ed Esecutivi consultabile al sito apec.fr.

Se può esservi utile segnaliamo quali sono i tipi di contratto più utilizzati e con cui si può avere a che fare se si lavora in Francia.
• CDI è il contratto a tempo indeterminato che, solitamente, prevede un periodo di prova di tre mesi.
• CDD contratto a tempo determinato solitamente con una durata minima di nove mesi e massima di diciotto.
• Contratto di lavoro temporaneo che si articola su condizioni simili a quello a tempo determinato ma, in genere, con un intermediario tra voi e l'azienda costituito da un'agenzia.
• Contratto di lavoro a tempo parziale che può essere paragonato al nostro part time. Questo contratto dovrebbe comunque garantire il numero minimo di ore necessarie per godere dei diritti legati alla pensione e alla sanità.
• Lavoro intermittente, formula simile al nostro contratto stagionale e molto usato nel settore turistico.

Dalla fine del 2012 sono stati introdotti dei nuovi tipi di contratto tra cui quelli definiti "Contratti d'avvenire" rivolti a giovani fino ai 25 anni che, risiedendo in zone disagiate e non avendo una qualifica, dovrebbero essere aiutati da questo contratto sovvenzionato al 75% dallo stato. Per avere informazioni sui diversi tipi di contratto applicabili per chi lavora in Francia consigliamo di consultare il sito Service-Public.fr.

Alcune notizie che possono essere utili se state pensando di lavorare in Francia riguardano il curriculum. In Francia dovrete sempre accompagnare il curriculum a quella che viene chiamata "lettre de motivation" che, oltre ad essere scritta in un francese impeccabile deve dire chiaramente perché vi state candidando proprio per quell'azienda e proprio per quella posizione. Quindi se questo è il vostro caso, vi consigliamo di fare una bella ricerca sull'azienda alla quale state pensando di inviare il vostro curriculum. Spesso però, soprattutto per molte aziende della grande distribuzione o nel franchising le candidature si possono inoltrare esclusivamente on line. State attenti a questo elemento.

Un'ultima cosa: anche per lavorare in Francia il modo migliore è il passaparola, cioè un eventuale network di conoscenze. Il che non significa la classica italica raccomandazione. Le aziende francesi accettano di buon grado di valutare le vostre capacità se vengono segnalate da qualcuno che già lavora per loro: questo spesso significa anche un risparmio in termini di tempo. Ma poi, se al colloquio non risultate idonei, non sarete assunti comunque.



(2) Commenti

evelyn
05 settembre 2018, 13:04
mi sono appena trasferita in francia con i bambini loro hanno gia iniziato la scuola ma io ancora sono in cerca di lavoro e purtroppo non capisco ancora bene la lingua come posso fare ed ho bisogno di iniziare a lavorare per fare tutte le domande per avere anche la carta vitale come posso muovermi
monica
26 aprile 2017, 14:37
vorrei sapere come funzionano e quanto sono pagati i contratti a intermittenza in francia e come si fa ad assumere una persona di supporto solo per qualche giorno a settimana ( settore commercio)
grazie in anticipo

Scrivici se hai domande o commenti sulla Francia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento